IT 016: Perché ai nostri politici, tra i più pagati del mondo, mancano sempre le risorse?

Perché nonostante un livello di tassazione oramai da record i servizi pubblici italiani sono così inefficienti? Perché lo stato sociale, che dovrebbe avere come obiettivo principale quello di aiutare le classi deboli, ha come risultato quello di moltiplicare i poveri e diffondere la miseria? Perché ai nostri politici, tra i più pagati del mondo, mancano sempre le risorse per affrontare i problemi? Quali sono i veri problemi? Su quali illusioni si fonda il catalogo politico che continua, dietro agli inganni, a creare solo miseria e conflitti? Lo scopriremo nella seconda parte della conversazione con Antonino Trunfio.

L’ospite della puntata

Antonino Trunfio è consulente di direzione aziendale nel campo delle operations e miglioramento delle performance, insegna anche gestione della produzione al politecnico di Milano, è autore di diversi articoli che vengono pubblicati su Rischio Calcolato e Ludvig von Mises Italia.

Risorse menzionate

I 62 minuti della conferenza stampa della BCE del 4 aprile 2013

“Molto brevemente”, la conferenza stampa di 42 minuti del 21 ottobre 2016 al consiglio europeo

Fate girare il podcast tra i vostri amici, la prima parte della conversione aveva ricevuto un ottimo interesse rilanciando il podcast tra i primi 100 della classifica iTunes.

iltruffone-itunes-from-2016-11-20-205230

La tua condivisione ci è preziosa!

4 comments on “IT 016: Perché ai nostri politici, tra i più pagati del mondo, mancano sempre le risorse?

  1. Marco Dal Pra' ha detto:

    Complimenti Francesco per i tuoi podcast.
    Un’idea “rivoluzionaria” per il panorama italiano. Direi molto bene. Riempie le mie ore in macchina e le trasforma in un tempo utile.
    Sei entrato, con grande stile e professionalità, nella cerchia di quelli che sotto sotto lavorano (e gratis) per cambiare l’Italia e gli Italiani. Una cerchia di “pazzi” ? Di “sognatori” ? Chi può dirlo. Sarà il tempo a giudicare.
    Nel frattempo devo iniziare l’opera sui miei figli per convincerli ad ascoltare, non sarà facile.
    DUE SUGGERIMENTI :
    1 – non aver paura di far puntate monologo, a me son piaciute tutte.
    2 – Qualche volta fai delle puntate orientate al grande pubblico, cioè fatte con un LINGUAGGIO più semplice. Si sente che sei un esperto di questioni economiche e finanziarie, ma se fai uso costante di termini troppo specifici, troppo da avvocato, rischi di crearti solo una cerchia ristretta di ascoltatori. Invece meriti di ampliare il pubblico. Sono questioni troppo importanti per relegarle a pochi.

    Ciao e Auguri

    1. Francesco ha detto:

      grazie Marco. vediamo, pensavo di aver già fatto un passo verso un linguaggio più comprensibile rispetto alla forma scritta, cercherò di abbassare quando potrò ulteriormente il livello, magari mi ascolterò qualche puntata della zanzara per capire come fare, il problema è che non voglio usare i turpiloqui che abbondano in quella che è la trasmissione più seguita d’italia, anche via podcast. però devo ammettere quello è un linguaggio che capisce chiunque, è diretto e fa presa sul pubblico di qualunque livello. solo che cruciani e il rimba radical chic che gli fa compagnia possono permettersi eventuali costi legali di denunce per diffamazione, qua non posso correre rischi!

  2. Bravo…il primo italiano che sento dire, dopo 14 anni che sono in Italia, che noi NON siamo l’stato.

    Caso mai,… noi…. siamo il popolo della nazione italiana.

    Succede che dire l’stato siamo noi è una maniera subdola che utlizzano i socialisti per addottrinare a la gente no informata verso il comunismo .

  3. blog online ha detto:

    ciao a tutti, solo oggi sono venuto a conoscenza del tuo sito. Che dire: davvero ben fatto, contenuti interessanti… continua cosi. Un abbraccio

Comments are closed.