IT 019: Oro, asset sempre valido a garanzia dei propri risparmi

In questa puntata parliamo di oro, un argomento a me caro sia in quanto moneta sana e onesta che si oppone alla tirannia statale, sia a protezione del proprio patrimonio e della propria pensione in questo mondo finanziario alla rovescia governato da banche centrali. Con Roberto Binetti di Confinvest Milano parliamo del mercato fisico retail italiano, storia, prospettive di prezzo, valutazione corrente, percentuale ideale nell’asset allocation.

L’ospite della puntata

Roberto Binetti, amministratore delegato di Confinvest Milano, primario attore in Italia nel mercato fisico dell’oro come bene da investimento.

Link e riferimenti

Francesco Carbone, Prevedibile e Inevitabile

Confinvest, webpage dell’azienda e pagina del negozio online

La tua condivisione ci è preziosa!

8 comments on “IT 019: Oro, asset sempre valido a garanzia dei propri risparmi

  1. alberto balatti ha detto:

    Bene ….ricordiamoci che ogni tanto l’Europa riesce a limitare i danni della sovranità del bel paese ….aver tolto IVA e monopolio sull’oro è uno di questi esempi

    1. Francesco ha detto:

      si ogni tanto e comunque con 26 anni di ritardo rispetto agli USA:

      As of January 1, 1975, U.S. citizens were again free to own gold in any form, including bullion, and in any amount that they can afford, without restrictions or any federal ‘reporting’ of those holdings

      comunque meglio, almeno su questo aspetto, dei criminali che hanno sempre governato il paese dei balocchi attraverso la lira cartaculo di cui tanti dementi ancora invocano il ritorno. (almeno nei commenti lasciatemi usare un linguaggio appropriato alla situazione!)

  2. Antonio Bellifemine ha detto:

    Buongiorno, Francesco penso che qusto 19^ sia stato un podcast altamente educativo. per chi avesse mantenuto la barra dritta diverrebbe una ulteriore conferma riguardo a giuste scelte scevre da influenze “$£€Ycartasederacee$£€Y”. per chi nel frattempo avesse perso la retta via e inforcato la via del retto, ogni singola parola proferita sarebbe un faro nella notte. per chi non avesse capito “un beneamato” e avesse fatto ampio rifornimento di strumenti per l’igiene intima , beh, amen. (no Scuola Austiaca? ahiahiahiahi!!!!)
    con immutata stima e gratitudine
    Antonio Bellifemine

  3. Roberto Longo ha detto:

    Buona sera dott. Binetti che differenza c’è tra sterline v.c. (vecchio conio) e n.c. (nuovo conio)? Consapevole di un investimento a medio lungo termine, nell’ipotesi di necessità di disinvestimento anticipato, riacquistare le monete e con quali perdita in percentuale?(vostro guadagno). Grazie

    1. Francesco ha detto:

      ti rispondo io per quel che ne so: le vecchio conio quotano un 10 euro meno a pezzo delle nuovo conio, mentre lo spread tra prezzo acquisto e vendita può variare a seconda delle condizioni di mercato, e oscilla tra un 5% e 10%. In questo senso dire che non ci sono commissioni è un po’ fuorviante, la commissione è compresa nello spread. Cmq essendo le monete più commerciabili è facile trovare altri compratori anche a prezzi più vicini al prezzo “teorico” di mercato.

  4. Sauro Melani ha detto:

    Manca il tag “oro” alla puntata.
    Comunque ottimo.

  5. Evelino Belloli ha detto:

    Salve,
    volendo fare investimenti in oro fisico, parlo di cifre sotto i 5-10.000 euro, che formato consigliate tenendo come riferimento il basso spred di acquisto/vendita e la liquidità, lingotti o monete ?

    Inoltre mi chiedo se chi lo acquista, un comprooro per esempio, deve fare delle verifiche, e quindi supportare dei costi, per assicurarsi che il lingotto o la moneta siano autentici o l’eventuale blister fa da garanzia ?

    Grazie

Comments are closed.