IT 014: 3 benefici di studiare economia e altre importanti considerazioni

Seconda puntata della miniserie di 3 a monologo in cui presento 3 importanti benefici dello studiare economia. Cercheremo anche di capire perché ci sono società povere e società ricche e da cosa dipenda il loro sviluppo economico. Vedremo qualche grave errore e mito che ancora viene spacciato dall’accademia, fino all’esposizione di qualche corbelleria più recente raccontata da uno dei più noti pianificatori centrali del pianeta. Infine qualche accenno alla differenza tra conclusioni e previsioni economiche a cui aggiungo un paio di consigli personali per chi si diletta negli investimenti e nel trading.

Libri citati nella puntata

Murray N. Rothbard, La Grande Depressione

Milton Friedman e Anna J. Schwartz, A Monetary History of the United States

John M. Keynes, Teoria generale dell’occupazione dell’interesse e della moneta

Riferimenti

Chi sono gli italopitechi? Riascolta la puntata n.8 con Stefano Bassi, L’importanza di adattarsi e attivarsi.

Bilancio della BCE, grafico. Nella puntata dico oltre 4 trilioni, in realtà sono circa 3.5 trilioni e spiccioli, ma con il programma in corso di QE dovrebbe arrivare a 4 nel 2017. Oltre 4 sono quelli della FED, 4.4 trilioni di dollari per l’esattezza. Prima della crisi erano intorno al trilione entrambi, poco meno FED poco più la BCE.

Conferenza della BCE del 16 ottobre 2016, con Q&A session in inglese

 

La tua condivisione ci è preziosa!

6 comments on “IT 014: 3 benefici di studiare economia e altre importanti considerazioni

  1. Francesco ha detto:

    Qua nei commenti lasciate anche eventuali suggerimenti su argomenti, temi, di cui vorreste sentire parlare. O magari persone che vorreste sentire. Quanto prima farò qualche puntata con ospiti su mercati finanziari, di cui ancora non abbiamo parlato.

  2. Emilio (un ammiratore dell'ultima ora) ha detto:

    Ho una domanda forse un po’ off topic.

    Il Truffone e’ il nome con il quale si rappresenta un sistema responsabile di problemi economici e sociali.
    E’ possibile dare un nome ad un sistema responsabile della soluzioni a questi problemi?

    Ascolto con piacere il podcast ma ogni volta mi chiedo: chi e’ l’opposto del Truffone?

    Grazie per il bel lavoro fatto finora

    1. Francesco ha detto:

      Ottima domanda! Davvero stimolante! Vediamo chi sa dare una risposta. Io ci devo pensare su, così su due piedi mi hai messo in difficoltà, è una cosa alla quale non avevo pensato. Di certo è una combinazione tra rispetto della Legge, definizione e difesa della proprietà privata, libertà di impresa, libero mercato, e tutto ciò che di buono ne consegue. Ma un nome equivalente in quanto a forza sintetica ed impatto del termine con riguardo al significato dello stesso, non saprei proprio. Forse andrebbe inventato così come si è fatto con Truffone

    2. Francesco ha detto:

      ed è anche un suggerimento molto importante che spinge a focalizzarsi sulla soluzione anziché sul problema. complimenti ancora per la domanda. continuerò a pensarci sopra e invito altri a trovare una risposta. ad averne di commenti/domande off topic di questo genere.

      1. Emilio ha detto:

        Grazie per il commento e si’, hai capito che voglio focalizzarmi su come migliorare la situazione mia e del mio paese.
        Temo che se l’invito a trovare una risposta non lo lanci dal podcast stesso, non troviamo una soluzione.

        A rischio di far sorridere qualcuno e a puro titolo di brainstorming, suggerisco io i primi due nomi ai quali ho pensato:

        -Libertone: liberta’ con suffisso -one, e’ anche un nome proprio di persona
        -Equitone: equita’ con suffisso -one, questo fa ridere anche me.

        Spero davvero di stimolare ragionamenti produttivi e di leggerne presto sul tuo sito.

        Ancora complimenti per il lavoro che stai facendo con il podcast e anche come lo stai facendo (sperimentare gli effetti sonori e aggiustarne l’uso ti fa onore)

  3. Nicolò ha detto:

    Ciao Francesco,
    in questa puntata se non sbaglio hai accennato al momento attuale di questi giorni di “tassi nervosi”, come vedi i tassi (Euribor ed Irs) nel prossimo biennio?
    Secondo te l’euribor continuerà la sua fase di stagnazione negativa o potrebbe esserci una inversione di tendenza?

    Complimenti davvero per il Podcast e buon lavoro!

Comments are closed.