IT045: La finzione del diritto al lavoro tra le cause della disoccupazione

Con Antonino Trunfio cerchiamo di capire la finzione implicita nel diritto “costituzionale” al lavoro, i cui paladini sono in realtà i responsabili della disoccupazione e del malessere della società italiana. Lo Stato può fare solo due cose: produrre leggi e produrre tasse, due mezzi che generalmente impediscono il lavoro anziché favorirlo e che in particolare distruggono il valore stesso creato dal lavoro.

L’ospite della puntata

Antonino Trunfio è consulente di direzione aziendale nel campo delle operations e miglioramento delle performance, insegna anche gestione della produzione al politecnico di Milano, è autore di diversi articoli che vengono pubblicati su Rischio Calcolato e Ludvig von Mises Italia.

La serie di articoli menzionati sulla costituzione è disponibile su Rischio Calcolato: Perifrasi della costituzione italiana

Link per approfondimenti

Perifrasi della Costituzione (parte 2), Antonino Trunfio

Perifrasi della costituzione : art.4 (parte quinta), Antonino Trunfio

Contro questo primo maggio, Antonino Trunfio, pubblicato il 1 maggio 2013

Il lavoro non è un diritto, il lavoro è soltanto un fattore della produzione, di Gerardo Gaita, 20 giugno 2016

Altre puntate con Antonino Trunfio

IT015: Diagnosi del declino italiano, il ruolo della produttività e dei monopoli parassitari

IT016: Perché ai nostri politici, tra i più pagati del mondo, mancano sempre le risorse?

La tua condivisione ci è preziosa!

1 comment on “IT045: La finzione del diritto al lavoro tra le cause della disoccupazione

  1. Nico ha detto:

    Bella puntata. Quando c’è di mezzo la costituzione, si vede chiaramente su cosa si basa tutto il castello di carte: illusione ed incoerenza lessicale.
    Questa puntata si ricollega ad una frase detta in un podcast da Birindelli: “Se uno vuole fare una porcata, la deve scrivere nella costituzione” (cito a memoria).
    Complimenti all’intervistato e all’intervistatore.

Comments are closed.